RECENSIONE E SPECULAZIONI – TWIN PEAKS: THE RETURN – PARTE 7 E 8

Got a Light?
Manca pochissimo a Part 9 e ancora non riusciamo a toglierci dalla testa la bellezza dell’ultimo episodio trasmesso, oramai, ben due settimane fa.
Un episodio visionario che uccide letteralmente il concetto di serialità televisiva, riscrivendolo nuovamente da zero e rifacendo così la storia delle serie tv come fecero le prime due stagioni dello show trent’anni fa. Qualcosa di pazzesco, ma andiamo con ordine.
Se Part 8 è un episodio estremamente Lynchiano, Part 7, invece, è molto più simile a un episodio delle prime due stagioni di Twin Peaks e mette ordine nel mucchio di indizi che Lynch ci ha gettato addosso nei primi sei episodi. E’ il classico “episodio spiegone” che se in altre serie può risultare un qualcosa di noioso, qui riesce a essere uno degli episodi più belli visti fino ad ora.
Abbiamo avuto la conferma che tutti ci aspettavamo: i fogli trovati da Hawk sono del Diario di Laura Palmer, ma ne manca uno. Leland avrebbe nascosto solo una parte dei fogli strappati dal diario di sua figlia, oppure qualcuno ha trafugato il foglio mancante dal bagno del dipartimento dello sceriffo. Frank Truman, dopo non aver trovato il coraggio di mettere in difficoltà suo fratello Harry, chiama su Skype il Dottor Will Hayward, ovvero colui che ha assistito e curato il doppio di Cooper appena uscito dalla Loggia Nera, il quale, in due minuti di dialogo, ci svela una cosa importantissima: Cooper, prima di lasciare Twin Peaks, è stato visto bazzicare per il reparto di terapia intensiva dell’ospedale nel quale era ricoverata Audrey Horne. La mente dei fan dello show è letteralmente esplosa e un’unica teoria è emersa con prepotenza su Reddit: Bad Coop ha stuprato Audrey Horne, in coma, e dallo stupro è nato Richard Horne.

RichardHorne

Richard Horne interpretato da Eamon Farren

Diane è una badass incredibile, ma quando si trova faccia a faccia con il Cooper malvagio, mostra tutta la sua fragilità e, sopratutto, una probabile attrazione sentimentale tra i due, culminata in una serata a casa di Diane che entrambi ricordano bene. Diane cede di fronte a Gordon, piange a dirotto, dice che quello che ha visto non è il Cooper che tutti conoscono e promette al personaggio interpretato da Lynch un incontro privato che chiarirà meglio le cose.
Torniamo indietro di qualche minuto, precisamente alla scena dell’areo. Ci sono due cose fondamentali da dire. La prima è che gli oblò che “flickerano” non sono un errore di montaggio, ma un probabile codice segreto lasciato agli spettatori da Frost e Lynch.

La seconda è che avevamo ragione. Bad Coop, all’inizio del dialogo con Gordon in carcere, fa casino e dice qualcosa che mostra la sua vera natura.
“It’s yrev very good to see you, my old friend.”
Gordon se ne accorge e infatti, sull’aereo, lo spiega a Tammy Preston. Ovviamente alla sua maniera, altrimenti non sarebbe Twin Peaks.

Bad Coop, in carcere, riesce a ottenere un incontro con il Direttore e, alludendo a delle zampe di cane, a un certo Mr. Strawberry e a un tal Joe McClusky, riesce a ottenere il suo rilascio, quello di Ray, una macchina e una pistola. Gli utenti di Reddit brancolano nel buio e l’unica cosa che è venuta fuori è stata: Bad Cooper sta leggendo la mente del Direttore e lo sta intimorendo con nomi che solo egli conosce e sta bluffando sulle zampe di cane, al solo scopo di farsi rilasciare. Potrebbe tranquillamente essere così.
A Twin Peaks, precisamente al Great Northern Hotel, Ben Horne e la sua aiutante cercano di capire da dove proviene uno strano suono che si diffonde nell’ambiente. Che sia lo spirito inquieto di Josie Packard che ancora vaga tra le assi di legno dell’albergo? Molto bello il momento in cui Ben ricorda quando Cooper è stato ferito da un colpo di pistola, venticinque anni prima, guardando la vecchia e obsoleta chiave della stanza ove Coop alloggiava, ormai sostituita dalle nuovissime tessere magnetiche.
Andy, ingenuamente, fissa un interrogatorio con un abitante della zona, accusato di essere il proprietario del camion che ha investito il bambino in Part 6, ma egli non si presenta. Più avanti, un’inquadratura mostrerà la porta della casa del sospettato semi-aperta.
Il corpo ritrovato vicino a quello di Ruth Davenport E’ QUELLO DEL MAGGIORE BRIGGS, ma i dati anagrafici e quelli dell’età del corpo non coincidono.
Part 7 si conclude con una lunghissima e bellissima sequenza all’interno del Roadhouse, con un componente della famiglia Renault visibilmente in difficoltà, e con una domanda fondamentale che tutt’ora risuona nella nostre menti: qualcuno ha visto Bing?
Procediamo col parlare di Part 8.
Cosa dire? Questo episodio ci mostra la genesi dell’universo narrativo di Twin Peaks e la nascita di BOB, nel 1945, da un test nucleare (estrema manifestazione della cattiveria umana), la quale avviene tramite Mother che vomita letteralmente uova e sfere. La sfera che contiene l’anima di BOB è la stessa che appare quando Ray spara a Bad Coop che viene salvato (forse?) dagli woodsmen. Ray chiamerà poi Philipp Jeffries per raccontargli l’accaduto.

Bob Goo

E’ interessante citare un passaggio del libro di Frost in cui si dichiara la volontà di un personaggio (Jack Parsons n.d.r.) di voler utilizzare i test atomici per aprire un varco spazio-temporale, ed evocare così una figura centrale del pantheon telèmico, ovvero la dea Babalon, chiamata “Mother of Abominations“.
In quella che, forse erroneamente, tutti noi chiamiamo Loggia Bianca, il Gigante viene a conoscenza della nascita di BOB e contrattacca facendo qualcosa che fa sorgere il più grande dubbio nell’intera storia di Twin Peaks: egli, letteralmente, crea un globo di luce, al contrario di quello di BOB che è un globo scuro e che non brilla, nel quale si vede il volto di Laura Palmer.

Part 8

Qui stiamo davvero arrivando al limite della ragionevolezza umana e, pur avendo cercato davvero a fondo, le uniche teorie che saltano fuori sono abbastanza improbabili, con Laura Palmer che dovrebbe essere, a questo punto, una sorta di Gesù pronto a sacrificarsi per il mondo, lasciandosi uccidere e sconfiggendo così BOB. Il problema sta nel fatto che, come tutti noi sappiamo, dopo la morte di Laura, BOB ha continuato a scorrazzare per l’America nei corpi di Leland e del doppelganger di Cooper. Quindi Laura, facendosi corrompere dal male del mondo e iniziando a drogarsi e a fare cose disdicevoli, avrebbe permesso a BOB di vincere questa eterna lotta tra bene e male? Può darsi, ma spererei di no. La teoria che più mi convince è quella della creazione di una Laura ultraterrena (la cugina del Man from Another Place) che andrà a incarnarsi nella Laura Palmer che tutti noi conosciamo, ma non mi è chiaro in che modo e per quale scopo.

Undici anni dopo la creazione di BOB, un uovo si schiude sulla terra e, grazie all’aiuto di un woodsman, in una sequenza a dir poco pazzesca, la creatura che ne fuoriesce si impossessa del corpo di una bambina. Che ella sia stata la prima ospite terrena di BOB? Oppure l’uovo contiene lo spirito, sotto forma di insetto, di Laura che sta andando a depositarsi nel corpo della bambina, a questo punto Sarah Palmer, in modo che quando ella verrà messa incinta, la creatura potrà impossessarsi del feto e dare vita al personaggio di Sheryl Lee? Qui si brancola nel buio, ma quest’ultima teoria viene smontata dal semplice fatto che gli woodsmen hanno da subito dimostrato di essere spiriti malvagi e dunque dubito in un’alleanza tra loro e il Gigante. Gigante, tra l’altro, che nei titoli di coda viene accreditato come “???????” e mai come “The Giant”. Egli, a questo punto, potrebbe chiamarsi “The Fireman”, nome composto da sette lettere come i punti di domanda e nome del brano che Badalamenti ha composto per la scena della levitazione. Roba da pazzi.

Con questo concludo e ricordo a tutti che dopo il 17 Luglio cominceremo a teorizzare ogni singola puntata della settima stagione di Game of Thrones. Alla prossima.

Follow us:

Sguido

 

 

Annunci

Un pensiero su “RECENSIONE E SPECULAZIONI – TWIN PEAKS: THE RETURN – PARTE 7 E 8

  1. Ricciorob ha detto:

    It’s yrev very good to read you my friend.

    Figata la teoria del gigante, mi era proprio sfuggita. Per il resto vedremo come andrà dopo il lunedì sera più atteso di sempre.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...