NINTENDO SWITCH: COSE BELLE MA DUBBIOSE

In queste ultime ore abbiamo assistito alla totale esplosione “DELL’INTERNET” a seguito del video di lancio rilasciato dai capi della “Grande N” di presentazione di NINTENDO SWITCH. Che cos’è Nintendo Switch? Semplice, Nintendo NX. E che cos’è Nintendo NX? Si vabbè, non è che posso dirvi sempre tutto io… Comunque ok, per questa volta ve lo dico: Nintendo Nx era il nome del progetto con il quale si apostrofava la nuova console uscente di Nintendo la quale, dopo numerosi mesi e una grande attesa, è stata finalmente annunciata tramite nuovo battesimo e venendo così chiamata “Nintendo Switch”.

nintendo-switch

La console sarà principalmente ideata per il gioco in casa, nel proprio salotto, sul divano sporco di kebab con la forma del vostro culone. Almeno credo, perché dalle immagini che si possono vedere nel video di presentazione sono più le volte che questa console venga usata lontano da casa piuttosto che sul divano di cui vi parlavo prima. Sapete, quello sporco di kebab e con la forma del vostro culo, si ecco, quello. Come funzionerà il tutto? Tramite un vero e proprio “switch” si potranno incastrare delle parti del gamepad della console ad uno schermetto inserito all’interno della console stessa, estraibile, della grandezza (più o meno) di un iPad.

nintendo-switch-0

Le specifiche tecniche non sono ancora state rilasciate, né dello schermo, né della stessa console, quindi gli smanettoni pippettoni che godono nel pensare a quanto sia grande la loro RAM potranno smettere di leggere qui l’articolo, se sono venuti in questo posto solo per questo motivo. L’unica cosa che posso dirvi è che la NVIDIA ha ammesso di aver collaborato con il colosso giapponese nell’hardware della console, inserendo all’interno di essa alcuni dei suoi elementi top gamma. Per tutti gli altri, come me, ai quali piace sempre fare i rompipalle e approfondire un minimo quello che gli si para davanti agli occhi, ci sarà del pane per i vostri denti. RESTATE CON ME.

Elenchiamo una serie di dubbi che mi sono venuti in testa:

-Quanto diavolo durerà la batteria della console quando si decide di portarsi in giro lo schermetto?

Non vorrei si facesse la fine dei giochi che sono andati più in voga su smartphone (come fu per Pokémon Go), dove era tutto molto divertente, fino a quando non ti rendevi conto che l’applicazioni ti ciucciava il 70% della batteria in una mezz’oretta, circa. Quindi, se fossi nei dirigenti Nintendo, eviterei che i consumatori si portassero in giro dei generatori elettrici a benzina (anche perché il costo del petrolio si è alzato eh, occhio), ma creerei delle specie di “power bank” apposite, per fare in modo che non si venga interrotti proprio sul più bello. Battutona a sfondo sessuale. Ba-dum, tss.

-Quanti saranno i furti che avverranno nel giro di un mese dall’uscita della console?

Scherzo, qui volevo fare il populista/qualunquista, quindi passiamo al prossimo dubbio

-Quanto dureranno i materiali con il quale sono fatti i pezzi “switchabili”?

Chiaramente con un continuo “sfila e infila” (siete dei porci, pensate solo a quello) si tenderà a logorare sia i canali nei quali si incastreranno gli accessori, ma anche gli accessori stessi. Non vorrei trovarmi davanti un nuovo “primo modello” di Dualshock 4 dove i gommini degli analogici si logoravano manco un tossico di “crocodile“.

-Quanto venderà questa volta Nintendo?

La Wii ha fatto il super botto e in ogni casa andassi in cui la parola “videogioco” era quasi proibita, paradossalmente si trovava sempre una dannatissima Nintendo Wii sotto il televisore. Accanto ai film dei Vanzina e di Ezio Greggio, con una spolverata di Wii Sport. Quei tempi sembrano cessati a causa del (semi)mancato successo di Wii U e in questa console Nintendo deve (e da quanto ho potuto vedere, a causa delle reazioni che ha scaturito) e vuole puntare tanto. Ancora una volta si cerca un nuovo modo per far videogiocare le persone, ancora una volta un cambiamento in questo Medium. Che sia la volta buona per il riscatto per la Grande N? Vedremo amici, vedremo.

Quello che non posso negare è la grandissima gestione del marketing che la Nintendo attua ogni volta che deve presentare un suo prodotto di punta. Sia che venga presentata una “ciofeca“, sia che venga mostrato un “grande prodotto“, se ne parla. Se ne parla tanto e per giorni e giorni e giorni. Tutta pubblicità gratuita ragazzi e questo Nintendo lo sa e lo vuole. Big up Nintendo, Big up. Altra cosa che non si può negare è la loro voglia di cercare sempre qualcosa di nuovo con le loro console. Questo non sempre può essere un male, ma quantomeno lo sforzo è da apprezzare notevolmente. Chiaramente non lo fa “per noi”, perché figuratevi al giocatore 30enne quanto gliene frega di andare in giro a giocare con l’iPad a Zelda, ma la smodata ricerca di Nintendo per l’innovazione è qualcosa che manca all’interno del mondo dei videogiochi oggigiorno e questa è una cosa sempre apprezzata. Prima di chiudere vi do le ultime due informazioni: la console uscirà a Marzo 2017, l’altra è una lista che potete trovare facilmente in giro dei publisher che hanno appoggiato la console Nintendo Switch.

nx_partners

Grazie mille per l’attenzione e buon videogioco a tutti.

-Jakk

Annunci

2 pensieri su “NINTENDO SWITCH: COSE BELLE MA DUBBIOSE

    • adamnfinecupofcoffeesite ha detto:

      Dipende cosa vuoi sapere, dovrebbe uscire a breve e contenere un parco giochi ampio ma non amplificabile. Sicuramente un’ottima scelta di marketing da parte di Nintendo quella di rimettere sul mercato questa console. Sono molto curioso di provare come sarà.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...